DJI domina già i droni consumer; ora i droni da trasporto

Il FlyCart 30 del produttore cinese diventa immediatamente uno dei più grandi droni dell'ultimo miglio sul mercato

Il produttore cinese di droni DJI non si accontenterà della sua quota stimata del 70% nel mercato globale dei droni consumer.

Con una mossa che potrebbe avere importanti implicazioni per l’azienda e per l’industria dei droni in generale, DJI questa settimana ha presentato FlyCart 30, il suo primo drone per consegne. Chiamato così per il suo carico utile di 30 chilogrammi (66 libbre) in configurazione standard, il nuovo prodotto segna l'ingresso di DJI in un mercato in gran parte non sfruttato per la consegna tramite piccoli e vivaci aerei.

Per ora il nuovo modello sarà disponibile solo in Cina. Ma DJI ha detto a FLYING che prenderà in considerazione il lancio in altri mercati in futuro.

Fino ad ora, DJI ha realizzato droni quasi esclusivamente per hobbisti e clienti di imprese industriali. La maggior parte dei suoi progetti sono droni dotati di obiettivi ad alta definizione, videoregistratori e altre apparecchiature di imaging aereo. Alcuni modelli includono sensori termici o infrarossi, software di mappatura, comunicazioni avanzate e altre funzionalità progettate per la sorveglianza e l'ispezione.

I droni con fotocamera dell'azienda sono considerati di altissima qualità. Sono stati utilizzati per filmare diversi programmi TV di alto profilo, tra cui "Il Trono di Spade", "The Amazing Race", "Better Call Saul" e "American Ninja Warrior". Altri droni con fotocamera DJI includono il Mavic ad alte prestazioni, lo Spark a basso costo e l'hexarotor Flame Wheel.

Nessuno di loro, però, può consegnare un pacco o un ordine di ali di pollo. DJI è stata fondata nel 2006, anni prima che aziende del calibro di Amazon Prime Air o Alphabet's Wing iniziassero a esplorare la consegna con droni. Queste aziende hanno avuto percorsi decennali per sviluppare i loro servizi. Ma DJI ha deciso che è finalmente pronto per competere.

Quindi, analizziamo il nuovo drone e le sue implicazioni per il settore.

Le specifiche

Fuori dallo scaffale, FlyCart 30 sarà uno dei più grandi droni per consegne a corto raggio sul mercato. Ma altre caratteristiche, come un meccanismo di consegna configurabile, capacità di pilotaggio a doppio controllo e un raro livello di durata (ne parleremo più avanti tra poco), sono ciò che distingue davvero questo modello.

DJI FlyCart 30 utilizza un design multirotore a quattro assi e otto eliche alimentato da una coppia di batterie di volo intelligenti proprietarie. Con entrambe le batterie installate, può trasportare fino a 66 libbre di carico a una velocità di circa 45 miglia orarie su un raggio di circa 10 miglia quadrate, rimanendo in volo per un massimo di 18 minuti. Tale autonomia si estende a circa 12 miglia quadrate con un carico vuoto.

I clienti che spostano carichi più pesanti possono rimuovere una delle due batterie per dare al drone un carico utile massimo di 88 libbre. Tuttavia, DJI consiglia di utilizzarli entrambi: se uno si guasta durante il volo, l’altro può alimentare da solo il resto della missione.

La ridondanza è solo una delle tante caratteristiche di sicurezza a bordo del FlyCart 30. Il modello è inoltre dotato di un software intelligente di rilevamento ed evitamento degli ostacoli, doppia funzionalità radar, un ricevitore di segnale ADS-B e un paracadute integrato per la discesa controllata in caso di emergenza. Gli operatori possono anche preprogrammare il drone con punti di atterraggio di emergenza prima di inviarlo sulla sua rotta.

È dotato del sistema di trasmissione delle immagini O3 di DJI, che trasmette video in diretta e può trasmettere un segnale forte fino a 12 miglia quadrate di distanza, aprendosi oltre le operazioni della linea di vista visiva (BVLOS). Il modello è compatibile anche con il dongle cellulare 4G dell'azienda.

A differenza della maggior parte dei droni per le consegne, che negli Stati Uniti in genere volano al di sotto dei 400 piedi, FlyCart 30 può operare a quasi 10.000 piedi in aria, consentendogli di servire il paesaggio montuoso della Cina. E come gli altri modelli DJI, è pieghevole, il che lo rende incredibilmente portatile.

Ora entriamo nelle cose davvero interessanti.

La maggior parte dei droni soffre di ansia da prestazione quando vola sotto la pioggia o con vento forte, ma FlyCart 30 non è la maggior parte dei droni. È pubblicizzato come una "macchina per tutte le stagioni" e ha un grado di protezione IP55, il che significa che protegge dalla polvere e dalla pioggia moderata. Può anche volare con venti fino a 26 mph e con temperature comprese tra meno 4 e 113 gradi Fahrenheit. Quindi, a differenza di molte altre società di consegna con droni, le operazioni di DJI non si limiteranno ai cieli sereni.

Una seconda caratteristica interessante è il meccanismo di pilotaggio a doppio controllo del drone. Le aziende in genere cercano di assegnare il maggior numero possibile di droni a un pilota, ma DJI ha trovato un modo per abilitare il contrario. Finché ciascuno ha un controller, gli operatori possono trasferirsi reciprocamente il controllo del drone premendo un pulsante, senza interrompere il volo. Ciò consente consegne su distanze più lunghe (o BVLOS di uno dei piloti), evita i disturbi del segnale e aggiunge un ulteriore livello di sicurezza.

Volare, però, è solo metà dell’opera nella consegna dei droni. Quindi DJI ha dotato FlyCart 30 anche di un meccanismo di consegna intercambiabile, con la possibilità di utilizzare un cassone di carico o un sistema con verricello e gru.

La prima opzione utilizza contenitori in polipropilene espanso di dimensioni standard, che possono contenere fino a 2,5 piedi cubi di carico e sono comunemente utilizzati nel settore degli imballaggi a rendere. Può essere installato o rimosso in meno di tre minuti per tempi di consegna rapidi.

In alternativa, i clienti possono optare per l'argano e la gru, che utilizza un cavo da 65 piedi per abbassare gli oggetti a terra dall'altitudine. Il sistema può essere controllato manualmente o automaticamente, ma il drone rilascia da solo il carico quando tocca terra. Questa configurazione potrebbe essere utilizzata in luoghi in cui non è sicuro atterrare, come un'area boscosa.

Un'altra caratteristica affascinante è l'intelligente sistema “anti-oscillazione” del FlyCart 30. La tecnologia avanzata rileva il peso e il centro di gravità del drone mentre è in volo, riportandolo in volo livellato ogni volta che oscilla o si inclina.

Per ora, FlyCart 30 è disponibile solo in Cina per $ 17.000. Il prezzo di acquisto comprende l'aereo, due batterie, un hub di ricarica con cavi e un radiocomando RC Plus. Il controller visualizza il programma Pilot 2 di DJI, che mostra lo stato del volo in tempo reale, le condizioni di consegna e il livello di potenza del drone. Può anche emettere avvisi e guidare il drone verso un punto di atterraggio sicuro in caso di condizioni meteorologiche estreme o di un’altra emergenza.

Allo stesso tempo, la società ha lanciato DJI Transport, una piattaforma operativa basata su cloud. Con esso, i clienti possono pianificare le attività relative alle attrezzature, gestire le risorse del team, analizzare i dati di volo e di consegna e controllare la dinamica dell'operazione dall'alto verso il basso.

Le implicazioni

La consegna con droni rimane un settore giovane a cui manca un vero colosso. DJI ha quello che serve per rubare la corona?

A febbraio, l’azienda cinese era responsabile di circa 7 vendite su 10 di droni consumer a livello globale. Ciò lo rende di gran lunga il più grande fornitore di droni consumer al mondo, posizione che detiene dal 2015 . L’azienda conta attualmente più di 14.000 dipendenti, facendo impallidire quasi tutti i concorrenti.

Il primo drone consumer di DJI, il Phantom 1, è uscito nel 2013 dopo sette anni di sviluppo. Non ha venduto bene. Ma solo due anni dopo, il Phantom 3 ha aggiunto funzionalità di live streaming e ha fatto salire alle stelle la posizione dell’azienda. In questo periodo, il CEO Frank Wang, che possiede circa il 40% della società, divenne il primo miliardario di droni al mondo .

Ora, DJI guadagna circa 2 miliardi di dollari di entrate annuali. In altre parole, dispone di casse profonde per sostenere i suoi sforzi di consegna dei droni. L’aggiunta di un’altra attività potrebbe anche posizionare bene l’azienda per il futuro poiché deve far fronte a una serie apparentemente infinita di divieti e restrizioni da parte dei legislatori statunitensi, che hanno definito in modo derisorio l’azienda “ TikTok con le ali ”.

DJI probabilmente venderà servizi di consegna con droni principalmente a clienti aziendali. Si ritiene che abbiano una domanda più vischiosa rispetto ai singoli consumatori che acquistano i droni con fotocamera, poiché le imprese sono meno inclini all’inflazione e ai cambiamenti della domanda e avranno bisogno dell’aereo per fare affari. Ciò dovrebbe generare maggiori entrate e proteggerlo in qualche modo dalle recessioni macroeconomiche.

Un portavoce dell’azienda ha detto a FLYING che è “troppo presto per dire” se DJI distribuirà FlyCart 30 al di fuori della Cina. Tuttavia, la società ha lasciato intendere che questa è una possibilità se i quadri normativi e infrastrutturali lo consentono, e ci sono alcune cose che lavorano a suo favore per assorbire la domanda globale.

Innanzitutto, dispone di un'ampia rete internazionale di rivenditori e clienti. Molti potenziali clienti saranno già stati formati su altri sistemi e prodotti DJI, offrendo loro un livello di familiarità che potrebbe dare a DJI un vantaggio. Alcune aziende e organizzazioni non governative stanno già utilizzando l’attrezzatura DJI per mappare e rilevare aree di interesse o creare immagini per scopi di marketing.

Una potenziale preoccupazione, tuttavia, riguarda le dimensioni e il peso del drone. Con entrambe le batterie e un carico utile vuoto, FlyCart 30 pesa 143 libbre, superando di gran lunga il limite della regola dei piccoli sistemi aerei senza pilota della Federal Aviation Administration. Per volare negli Stati Uniti, DJI dovrebbe ottenere una certificazione di tipo o un’esenzione alla Sezione 44807 del Titolo 49 del Codice degli Stati Uniti. L’Unione Europea e la Nuova Zelanda, altri due mercati emergenti per la consegna con droni, hanno regole simili.

FlyCart 30 misura circa 9 x 10 x 3 piedi, una dimensione tipicamente riservata ai modelli a lunga percorrenza. Tuttavia, la sua autonomia di 10 miglia quadrate e il tempo di volo di 18 minuti limiteranno probabilmente il modello alla consegna dell’ultimo miglio. Per fare un confronto, i droni di punta dell'ultimo miglio di Wing e Matternet volano per circa 12 miglia, i droni di Amazon Prime Air volano per 9 miglia e il nuovo RDST Longtail di A2Z Drone Delivery viaggia vicino a 7 miglia.

Tutti questi progetti hanno carichi utili significativamente più leggeri rispetto a quelli di DJI. Ciò fa sorgere la domanda: che tipo di carico trasporterà FlyCart 30? Probabilmente è troppo ingombrante per le consegne di cibo o generi alimentari, ed è così che le società di cui sopra guadagnano. Secondo DJI, il trasporto di emergenza sarà un caso d’uso fondamentale. Ma al di fuori della Cina dovrebbe competere con Zipline, che dispone di un drone in grado di volare per 190 miglia con una singola carica. La gamma di FlyCart 30 probabilmente limiterà la sua utilità per le consegne mediche.

Oltre a Wing, Matternet, Amazon e A2Z, DJI si scontrerebbe con Walmart, DroneUp e UPS Flight Forward negli Stati Uniti. Probabilmente competerebbe con Volocopter in Europa e Africa o con SkyDrop in Nuova Zelanda.

In Cina, il principale concorrente di DJI sarà la piattaforma di shopping on-demand Meituan, che l’anno scorso ha effettuato 100.000 consegne di droni a Shenzhen. EHang, uno sviluppatore di aerei elettrici per decollo e atterraggio verticale per passeggeri, gestisce anche un servizio di consegna con droni nel paese con DHL.

L’azienda probabilmente trascorrerà i prossimi mesi o anni a sondare la concorrenza tra queste aziende prima di tentare il lancio negli Stati Uniti o altrove. Ma se (o quando) lo facesse, avrebbe un enorme mercato potenziale con cui lavorare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *